Aprire un negozio di bigiotteria


Se gioielli e monili sono la vostra passione, se il vostro sogno è quello di poter intraprendere questo genere di attività, ma aprire una gioielleria rappresenta una scelta “costosa”, per via degli ingenti capitali necessari, forse potete prendere in considerazione l’idea di aprire un negozio di bigiotteria.
Infatti, per aprire un negozio di bigiotteria occorrono pochi capitali, è un’attività stimolante, creativa, che vi permetterà di intraprendere un’attività in un settore in cui le donne e la passione la fanno da padroni.
La bigiotteria è un arte, molte sono le donne (la maggior parte degli operatori nel settore) che iniziano per gioco o per hobby la realizzazione di splendidi oggetti di fine bigiotteria. In alcuni casi questo hobby consente di realizzare un extra reddito, infatti spesso chi realizza i bijoux poi vende le proprie creazioni a parenti ed amici, ma di tanto in tanto qualcuna più ambiziosa fa il grande passo e apre un negozio di bigiotteria o un laboratorio di creazione e vendita di bijoux.
Il business è semplice e può essere affrontato, sia come semplice distributore, sia come produttore (o entrambi), ovviamente cambia l’utile generato dall’attività che parte da un 60% per il distributore e arriva fino al 200% o anche più per il produttore, a seconda dei costi, delle strategie di vendita e anche del mercato di riferimento.
Ovviamente come tutte le attività anche questa necessita di una pianificazione aziendale fatta a monte, altrimenti si rischia di chiudere la bottega nel giro di qualche mese.
Di seguito elenchiamo i vari passi da seguire per affrontare il business nel modo giusto:

  1. Decidere se cominciare da distributore, da produttore o da entrambi
  2. Determinare una specifica linea di bigiotteria in vendita
  3. Sviluppare un business plan.
  4. Determinare un budget iniziale di investimento
  5. Individuare i distributori all’ingrosso di materiali nella vostra zona (ma è possibile reperire dell’ottimo materiale anche su internet)
  6. Fare uno studio base di mercato per capire se c’è spazio per operare, chi sono i potenziali clienti ecc. ecc.
  7. Preparare una strategia di vendita (facendo riferimento ai risultati della ricerca di mercato)
  8. Svolgere tutte le attività fiscali e burocratiche per aprire il negozio di bigiotteria, in queste fasi è meglio farsi seguire da un commercialista, che vi seguirà anche successivamente nella gestione contabile dell’attività.
  9. Selezionare dipendenti o sub distributori (se necessari all’attività)
  10. Avviare l’attività con campagne promozionali/pubblicitarie volte a dare visibilità al vostro negozio.

Per il successo del business è essenziale conoscere le tecniche di realizzazione del bijoux, ovviamente se siete solo distributori vi basterà conoscere le tecniche di base ed i materiali utilizzati, mentre se producete dovrete essere dei veri esperti.
Per una preparazione di base vi sarà utile leggere testi e manuali per confezionare bijoux, e seguire corsi organizzati da altri laboratori artigianali o negozi di bijoux. Risorsa inesauribile per acquisire conoscenza sull’argomento è internet e youtube dove troverete anche corsi gratuiti che vi insegneranno a confezionare monili vari.
Ad ogni modo dovrete conoscere perfettamente:
-Le caratteristiche degli articoli e gli stili
-Le tecniche utilizzate per la realizzazione
-I materiali utilizzati (ambra, perle, vetro, argento, ecc.)

Concludiamo dicendo che pur essendo un’attività semplice, pratica e divertente, è comunque un’attività commerciale, e come tale, deve essere gestita focalizzando l’attenzione sulle vendite e sulla gestione intelligente delle spese, avendo come obbiettivo primario la vendita di bijoux e presentando oggetti di buona fattura e qualità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.