Diventare Ingegnere Civile


La facoltà di ingegneria, con quella di medicina e di giurisprudenza, è una delle più ambite. La tendenza a voler diventare ingegnere, si spiega con le maggiori possibilità d’impiego che questo tipo di formazione riesce ad offrire. Il corso di laurea in ingegneria è piuttosto selettivo, ecco perché una volta ottenuta la laurea si riesce a trovare una collocazione nel mondo del lavoro. Infatti, tra i tanti che iscritti, durante il primo anno si assiste ad un numero molto alto di fallimenti; la percentuale di chi si ritira, è piuttosto alta.
Esistono diverse specializzazioni: ingegnere civile, ingegneria edile, ingegneria gestionale, ingegneria delle telecomunicazioni e aerospaziale. Fra gli indirizzi più recenti e ricercati troviamo l’ ingegneria biomedica e l’ingegneria gestionale. Ma, senza dubbio, l’ambito più richiesto è quello civile. L’ingegneria civile e ambientale, è la parte dell’ingegneria che studia come progettare e costruire case, ponti e strade.
Per diventare ingegnere civile, è necessario essere in possesso di un diploma di maturità; fra gli studi superiori consigliati, vi sono il liceo scientifico e l’istituto per geometri. In seguito al superamento dell’esame di maturità, è necessario iscriversi presso la facoltà di ingegneria. In base alle novità che sono state apportate dalla riforma universitaria, gli studenti possono scegliere fra ingegneria industriale, ingegneria civile ed ambientale e ingegneria dell’informazione. Dopo la laurea triennale, il percorso di studi prosegue fino ad arrivare alla laurea magistrale, grazie alla quale si può sostenere l’esame di Stato. Dopo aver superato l’esame di laurea, si ottiene il titolo di dottore in ingegneria; invece, in seguito al superamento dell’esame di Stato e alla richiesta di iscrizione all’ordine si diventa a tutti gli effetti ingegnere.
Per poter superare l’esame di Stato non è necessario essere in possesso di una laurea di tipo magistrale; dopo aver conseguito l’abilitazione professionale, è possibile iniziare a lavorare nel campo dell’ingegneria. Dopo il conseguimento della laurea, è anche possibile proseguire il percorso di studi con dei master specifici; particolarmente consigliati quelli all’estero grazie ai quali si perfezione anche la lingua straniera.
Questa professione offre numerose possibilità infatti, oltre a poter diventare un dipendente pubblico o privato è possibile intraprendere la libera professione, aprendo uno studio. Gli ingegneri civili, trovano occupazione anche pressi enti internazionali, presso istituti di ricerca o in società che si occupano di produzione di materiali.
Nel settore dell’ingegneria, tra le università più rinomate di tutto il territorio nazionale, vi è senza dubbio il Politecnico di Torino e quello di Milano; vi sono anche altre valide facoltà dislocate anche in altre città.
Se dopo il conseguimento della laurea triennale si desidera subito iscriversi all’ordine degli ingegneri, è necessario superare l’esame di Stato. L’esame di Stato per diventare ingegneri si articola in quattro prove: due scritte, la prova progettuale e quella orale. La prova di progettazione, riguarda l’elaborazione di un progetto in tutte le sue parti.
Le prove scritte vertono sulle leggi che regolano il settore della progettazione e della costruzione; invece, la prova orale riguarda, oltre alle materie affrontate durante l’esame scritto, anche quesiti relativi alla deontologia della professione e la preparazione relativa alle leggi vigenti.
Dopo l’abilitazione, si richiedere l’iscrizione alla sezione B dell’ordine; si tratta di una suddivisione determinata in base al titolo di studio ottenuto. La sezione B, comprende tutti i professionisti che hanno conseguito una laurea triennale. Infatti, soltanto chi è in possesso della laurea magistrale può essere inserito nella sezione che comprende gli” ingegneri”. Durante l’anno, si tengono due esami di Stato; per poter sostenere l’esame, oltre alla presentazione dei documenti è necessario il pagamento di un bollettino. Dopo aver superato l’esame, si fa la domanda all’ordine della provincia di appartenenza; ogni anno si è tenuti al pagamento di una tassa di iscrizione. L’ordine degli ingegneri, dopo aver ricevuto il pagamento, consegna al professionista il timbro.
L’ingegneria, è ancora uno sei settori nei quali si hanno ottime possibilità di impiego; inoltre, si può trovare lavoro non soltanto in Italia ma anche nel resto dell’Europa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.